Home > Guide > Tsundoku: siete curiosi di conoscere il significato di questa parola giapponese?

Tsundoku: siete curiosi di conoscere il significato di questa parola giapponese?

Chi di voi ha mai sentito parlare di “Tsundoku”? Questa parola, di origine giapponese, indica l’acquisto compulsivo di libri.

Esistono infatti persone (io stessa ne conosco più di una) che amano a tal punto i libri da sentire il continuo bisogno di acquistarne a più non posso e metterli da parte, pur sapendo che forse non li leggeranno mai.

Cosa significa

Il termine deriva da “tsunde” che significa “impilare oggetti”, e “oku”, che sta per “lasciare lì per un po’ di tempo”. Diventando “doku”, che significa lettura, Oku si è unito a Tsunde dando vita a questo termine un po’ strano, curioso, che ora sta diventando popolare anche in Italia.

Sì, perché di lettori compulsivi ve ne sono tanti: si tratta di persone amanti della lettura che acquistano spesso libri che poi lasciano sistematicamente sul comodino senza neppure sfogliarli.

I libri si accumulano in attesa di essere letti, ma più passa il tempo, più diminuiscono le probabilità che vengano effettivamente sfogliati da chi li ha comprati. Per questi accumulatori seriali di libri il piacere non sta tanto nel leggerli, quanto nell’acquistarli.

Una sorta di “bibliomania” che è un vero e proprio disturbo ossessivo-compulsivo che concerne proprio l’accumulo di libri. Mentre infatti la bibliomania descrive l’intenzione di acquistare libri per farne una collezione, il termine nipponico “Tsundoku” si riferisce nello specifico a chi è intenzionato a leggerli ma poi se ne dimentica, passando in maniera repentina e automatica all’acquisto successivo.

Come guarire da questa “mania”

Trattandosi di una mania, c’è chi propone sul web soluzioni e consigli per guarire. Ad esempio, donando i libri non letti ad altre persone, riorganizzando i volumi negli spazi appositi, oppure dicendo addio alla carta e dedicandosi alla lettura di e-book (che si possono accumulare senza intaccare alcuno spazio, se non quello del pc).

Certo, è una mania innocua e anche piacevole, visto che consiste nel tenere a portata di mano in qualunque momento storie che possono aiutarci ad evadere dal quotidiano partendo per un viaggio senza spostarsi da casa. Averli vicino rincuora, fa sentire protetti. Se lo spazio permette, lasciamoci andare a tale mania, godiamoci l’acquisto e l’accumulo: ogni libro è una storia che aspetta lì, paziente, di essere raccontata, non importa quando.

 

 

 

 

Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Tweet about this on TwitterShare on Facebook0
Autore
Cristiana Lenoci
Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con *

*

*