Home > Guide > Come stimolare i bambini ai piccoli gesti per rispettare l’ambiente

Come stimolare i bambini ai piccoli gesti per rispettare l’ambiente

Sono più attenti degli adulti e si prendono a cuore le questioni climatiche. Da un’indagine condotta da Ipsos, con la collaborazione dell’Istituto per gli studi di politica internazionale, è risultato che i più giovani sono particolarmente attenti alle questioni ecologiche e ambientali rispetto alle generazioni precedenti.

E, per quanto riguarda i bambini, poiché i genitori sono lo specchio nel quale i figli si riflettono, il miglior sistema per spiegare ai più piccoli come tenere una condotta ecosostenibile è essere innanzitutto un buon esempio per loro.

Educazione ambientale

Prima ancora della scuola, sono i genitori a dover svolgere il ruolo di educatori e trasmettere ai bambini i comportamenti virtuosi utili a salvaguardare il Pianeta ed evitare lo spreco.

Se mamma e papà per primi, faranno attenzione a spegnere gli interruttori della luce quando escono da una stanza o a separare correttamente i rifiuti, i loro figli imiteranno quei piccoli gesti in maniera del tutto spontanea e naturale.

I bambini emulano gli adulti, e per questo è importante che gli adulti a loro volta si mostrino responsabili e consapevoli.

Anche se piccoli, i bambini capiscono quali sono le conseguenze dei gesti sbagliati, soprattutto se la necessità di avere uno stile di vita ecosostenibile gli viene insegnata sotto forma di gioco, stimolando così il loro interesse. Con parole semplici e qualche esempio pratico, si può facilmente spiegare ai piccoli quali sono i comportamenti virtuosi da seguire.

Raccolta differenziata

Spiegare la raccolta differenziata ai bambini significa porre l’accento su quanto questa sia una buona abitudine, più che un obbligo imposto dalla legge. La raccolta differenziata dei rifiuti permette di riciclare e recuperare materie prime. Ai bambini va spiegato che la carta, la plastica o il vetro possono avere una nuova vita se finiscono nel “bidone giusto”.

Può essere altrettanto utile coinvolgere i più piccoli nel processo di smaltimento dei rifiuti, che per loro può diventare un gioco divertente.

Riutilizzo degli avanzi

Anche riutilizzare gli avanzi in cucina è un concetto che va inculcato ai bambini. Quando si lascia qualcosa nel piatto, se possibile, si possono coinvolgere i bimbi e preparare insieme a loro polpette, torte salate e frittate con il cibo che è avanzato a tavola.

Una ricetta creativa che ha visto la collaborazione di un bambino sarà senz’altro più squisita. Utile anche andare insieme a fare la spesa, soprattutto acquistando direttamente dai produttori, agricoltori e allevatori della zona per far capire quanto lavoro e quante risorse servono per riempire il piatto che mangiamo ogni giorno.

Risparmio acqua e luce

Per quanto concerne lo spreco di acqua e luce, non servono imposizioni, ma spiegazioni. Bisogna dire ai bambini che l’acqua, così come il petrolio, il carbone e il gas snaturale, è una risorsa preziosa che non si può sprecare.

Per quanto possa essere divertente giocare con l’acqua, è altrettanto importante insegnare ai bimbi a chiudere il rubinetto (dando per primi il buon esempio), mentre si lavano i denti o subito dopo aver lavato le mani, e che non serve passare ore sotto la doccia facendo scorrere l’acqua inutilmente. Ma l’acqua non è l’unica risorsa preziosa cui prestare massima attenzione. Occorre abituare i bambini anche a non sprecare energia.

 

Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Tweet about this on TwitterShare on Facebook0
Autore
Cristiana Lenoci
Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con *

*

*