Home > Guide > Tutto quello che c’è da sapere sulle bici elettriche

Tutto quello che c’è da sapere sulle bici elettriche

La bicicletta è uno degli mezzi che fin da piccoli, ha accompagnato la nostra estate. Questa veniva utilizzata per andare in giro con gli amici o per fare scampagnate con tutta la famiglia. Ma del resto, come ogni cosa, anche la bicicletta si è evoluta, riuscendo così a stare al passo con i tempi.

Stiamo parlando delle bici elettriche, conosciute anche con in nome di e-bike, ossia tutte quelle bici dotate di motori elettrici e possono dividersi in due tipi: bicicletta elettrica e bicicletta pedalata assistita.

La bicicletta elettrica funziona senza spingere sui pedali e quindi la bici si muove in modo indipendente; mentre la seconda, ossia la bicicletta con pedalata assistita,  ha un motore che si attiva solo nel momento in cui si pedala.

Le leggi sulla bici elettrica

La bicicletta con pedalata assistita, la cui massima velocità non supera i 25 km/h , può essere utilizzata senza aver bisogno di immatricolazione , targa, assicurazione, e patentino e può essere utilizzato su tutte le piste ciclabili. Quelle che possiedono un motore ausiliare e hanno una potenza superiore ai 250 Watt non seguono queste leggi ma devono rispettare le stesse norme di tutti i veicoli a due rute.

 Come funziona una bici elettrica

Il motore di una bici elettrica può trovarsi in diverse posizioni ossia: dentro il mozzo posteriore o anteriore, oppure sulla parte centrale del telaio. Se viene collocato in quest’ultimo punto, la sua efficienza è migliore e più funzionale in quanto la distribuzione dei pesi è ottimale e riesce così anche a sfruttare al meglio la batteria, che di solito è installata sul tubo obliquo della bici, nel posto in cui solitamente troviamo la tradizionale borraccia.

Il motore da 250 watt può essere controllato attraverso una centralina elettronica che, a seconda del livello di assistenza scelto e dallo sforzo del ciclista che questo fa sui pedali, eroga una quantità precisa di potenza. In poche parole più lo sforzo o la frequenza della pedalata è frequente e maggiore sarà l’assistenza del motore elettrico.

I motori di ultima generazione comprendono un numero più alto di modalità di assistenza, fino ad un massimo di 4, in modo da riuscire a passare da una modalità all’altra fornendo un grande aiuto al ciclista. Il tutto cessa quando si raggiunge il livello di velocità massimo imposto, ossia quello di 25km/h.

Ecco tutto quello che c’è da sapere sulle bici elettriche, che è possibile acquistare su migliorebicielettrica.it

Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Tweet about this on TwitterShare on Facebook0
Autore
Cristiana Lenoci
Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con *

*

*