Home > Guide > Perché fare una “To Do List” può cambiarti la vita

Perché fare una “To Do List” può cambiarti la vita

La “To Do List” è uno strumento versatile, utile a tutti e con tanti vantaggi. Fare una “To do list” semplifica l’esistenza, aiuta a scoprire se stessi, a conservare i ricordi migliori, a godersi i piccoli piaceri della vita, a trovare la propria strada quando si è un po’ confusi e incerti.

Si possono fare elenchi non solo di cose da fare e azioni da compiere durante la giornata, ma anche di film visti, paesi da visitare, insegnamenti ricevuti, ricordi piacevoli.

Stilare una “to do list” serve, nello specifico, a fissare obiettivi, portare a termine compiti, organizzare la propria giornata e di conseguenza, vivere meglio.

Il principio che sta alla base di ogni “To do list” che si rispetti è il medesimo: quando l’obiettivo è troppo ambizioso, lo si divide in “micro-compiti” più facili da pianificare (e rispettare). Mettere nero su bianco aiuta a focalizzarsi meglio in un mondo in cui si viene distratti da sollecitazioni di ogni tipo.

Le liste appassionano anche i Vip, e tra loro c’è chi ammette di non riuscire a farne a meno. Ne sanno qualcosa Roberto Saviano e il conduttore televisivo Fabio Fazio, e tra gli accaniti sostenitori di questo metodo vi era il grande scrittore Umberto Eco.

In questo nuovo anno potremmo imparare ad usare in maniera corretta gli elenchi, renderli sistematici e sfruttarli con metodo ed intelligenza per semplificare la vita anche (e soprattutto) quando è molto piena e intensa.

I Consigli per una To Do List corretta

Metti in lista solo attività che hai il tempo e le risorse per svolgere in un determinato giorno o periodo. Dovresti calcolare quanto tempo ti occorre, e se ce la fai in autonomia o hai bisogno di un aiuto. Utilizza parole che spingono all’azione e sii il più possibile specifico. Le liste, infatti, non dovrebbero lasciare troppi margini di scelta: più il compito è specifico, più è probabile che riuscirai a spuntarlo dalla lista.

Gli Errori da evitare

Non mescolare le liste! Cerca di averne due, ma separate: una per il lavoro e una per la vita personale, in modo da non creare confusione e non perdere tempo prezioso. Non scrivere compiti troppo impegnativi, ad esempio “scrivere un libro”. Questo è un obiettivo che non si realizza né in un giorno, né in un mese, perciò rischi di scoraggiarti.

Piuttosto il segreto è fissare piccoli compiti quotidiani che, messi insieme, portano alla realizzazione di uno più grande. Tornando all’esempio del libro, “scrivi il primo capitolo”, “cerca un agente per pubblicarlo”, ecc.

Come spiega l’imprenditrice Alex Cavoulacos, “Bisogna prendere atto he in un giorno non si possono fare un numero infinito di cose. Un buon obiettivo è pianificare 1 compito grosso, 3 medi e 5 piccoli”.

Se poi nella giornata c’è un compito che richiede meno di cinque minuti, non metterlo in lista: fallo subito!

Buon Anno a Tutti!

 

Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Tweet about this on TwitterShare on Facebook0
Autore
Cristiana Lenoci
Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con *

*

*