Home > Storie dal mondo > Papà eroe, porta figlio a scuola camminando per 30 Km

Papà eroe, porta figlio a scuola camminando per 30 Km

padre porta figlio a scuola

In Italia abbiamo la cattiva abitudine di attendere i nostri figli fuori da scuola con l’automobile parcheggiata il più possibile vicino all’istituto. Non di rado dunque l’entrata ed uscita da scuola dei bambini è sinonimo di assembramenti di automobili lasciate in doppia o terza fila, quattro frecce inserite, a pochi passi dall’edificio e nel caso di giornate piovose o di nevicate, il numero di veicoli può addirittura raddoppiare. Diversi comuni stanno tentando da tempo di modificare questa pessima abitudine, incentivando i bambini a raggiungere la scuola a piedi con iniziative come il Piedibus che negli ultimi anni sta riscuotendo sempre maggior successo.

Fatta questa premessa, vogliamo raccontarvi la storia di qualcuno che quotidianamente percorre la bellezza di 29 chilometri a piedi, per portare il proprio figlio a scuola e poi recarsi al lavoro. L’incredibile racconto arriva dalla Cina meridionale, sulle colline della città prefettura di Yibin, nella provincia del Sichuan. E’ qui che vivono il quarantene Yu Xukang e il figlioletto dodicenne Xiao Qiang. Ogni mattina il signor Yu, divorziato da 9 anni, si carica in spalla il figlioletto disabile mettendolo in una cesta di vimini e tenendogli le mani perchè non cada, e cammina per 4,5 miglia per portarlo a Fengyi Fengxi, dove si trova la scuola; poi ne percorre altrettanti per tornare in paese a lavorare. Nel pomeriggio, terinata la giornata lavorativa, riparte alla volta della scuola dove si carica nuovamente il figlio sulle spalle, per ricondurlo a casa. Fatte le somme, Yu percorre ogni giorno ben 18 miglia e non certo su strade asfaltate ma su un sentiero polveroso e coperto di pietre, con una lunga serie di salite e discese; un percorso che ormai fa parte della sua quotidianità: basti pensare che ad oggi ha già percorso 1600 chilometri.

Yu non si è mai fatto scoraggiare dalla distanza e anzi ha detto di essere orgoglioso di sue figlio che, nonostante la disabilità, è il migliore della classe. “Sono sicuro che farà grandi cose – ha raccontato – il mio sogno è che un giorno si iscriva al college”. Di certo il fortunato Xiao, crescendo, non potrà che essere riconoscente nei confronti del suo papà per il suo grande sacrificio. Nel frattempo Yu è stato nominato ‘padre dell’anno’ dal Daily Mail ed essendo la sua storia divenuta di dominio pubblico, il governo cinese ne è venuto a conoscenza ed è intervenuto, promettendo di aiutarlo.

Una storia di incredibile dedizione e amore verso il proprio figlio, non trovate?

Daniele Orlandi | Tutti i diritti riservati

Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Tweet about this on TwitterShare on Facebook0
Autore
Daniele Orlandi
Daniele Orlandi
Giornalista pubblicista, mi occupo di comunicazione in tutte le sue forme. Laureato in Comunicazione Digitale collaboro con testate giornalistiche (quotidiani e settimanali, cartacee e online) e sono specializzato in comunicazione sul web, S.E.O., contenuti editoriali indicizzabili sui principali motori di ricerca, comunicazione in real time. Lavoro da tempo con il team di Articoliinvendita, occupandomi della creazione di contenuti editoriali per il web e la carta stampata.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con *

*

*