Home > Dalla passione al lavoro > Marianna: ho realizzato il mio sogno, una libreria per bambini e ragazzi

Marianna: ho realizzato il mio sogno, una libreria per bambini e ragazzi

marianna-longo

Varcare la soglia di una libreria per bambini significa entrare in un mondo popolato di personaggi fantastici, animali parlanti, fate, elfi, natura e tanti colori. E se noi adulti riuscissimo a lasciare fuori preoccupazioni, pregiudizi e fretta e ci facessimo trasportare del tutto in questo ambiente incantato, ne usciremmo sicuramente rigenerati.

Cerignola, cittadina di quasi sessantamila abitanti, fino ad oggi non aveva una libreria interamente dedicata ai più piccoli. O forse, qualcuno anni fa ci ha pensato senza poi avere avuto il coraggio di “rischiare” un’impresa del genere. C’è chi si fa condizionare dalle statistiche non certo rosee, che circolano da sempre: “in Italia sempre meno persone leggono libri” “nel nostro Paese ci sono più scrittori che lettori” ecc. e pensa che, a maggior ragione, è oramai difficile trovare bambini e ragazzi che amino la lettura piuttosto che i videogames.

Marianna Longo è una giovane mamma cerignolana appassionata di libri e di infanzia che ha realizzato un suo grande desiderio: mettere su una libreria e giocoleria dedicata ai bambini e alle mamme. Lo ha fatto proprio qui, a Cerignola, dove ad aprire una libreria che fosse anche un luogo di incontro e di aggregazione ci hanno provato in pochi senza purtroppo riuscirci.

Quando, un po’ di tempo fa, Marianna ha aperto la pagina Facebook per annunciare l’imminente apertura dell’attività, qualcuno l’ha definita “coraggiosa” per quello che stava per fare: gestire una libreria per bambini in un luogo in cui, purtroppo, l’abitudine di leggere non è molto diffusa.

“All’aggettivo coraggiosa preferisco che si sostituisca appassionata, per indicare meglio ciò che mi ha portato a mettere su un’attività del genere”, ci tiene a precisare Marianna, che apre così la nostra piacevole chiacchierata.

Marianna è laureata in Scienze Diplomatiche internazionali con specializzazione in Comunicazione e Marketing del settore no-profit. “La mia passione per l’infanzia viene dal fatto che ho lavorato per parecchio tempo in una nota Onlus, Save the children, che si occupa appunto di diritti dell’infanzia, e dalla mia personale esperienza di mamma. Ho vissuto pienamente la mia maternità con grande partecipazione emotiva.

Nel realizzare la libreria, cui ha dato il nome di “L’albero dei fichi”, Marianna, con la collaborazione del marito Luigi, ha pensato ad un luogo che fosse comodo e piacevole non solo per i bimbi, ma anche per le mamme. C’è infatti il Baby Pit Stop e un angolo allestito con tappeto colorato per far giocare i piccoli mentre le mamme curiosano tra gli scaffali.

“Mi piacerebbe che questa libreria diventasse un presidio sociale”, continua Marianna. “Abbiamo in programma tantissime iniziative per l’anno nuovo. Organizzeremo laboratori di promozione al gioco e alla lettura per fasce di età, poi abbiamo in mente anche un corso di fotografia e teatro per i bambini.”

Marianna è una persona molto aperta, socievole ed “inclusiva”. “Penso che da soli non si vada da nessuna parte. Oggi bisogna più che mai fare rete, stabilire collaborazioni con enti e associazioni affinchè le iniziative decollino e raccolgano il consenso che meritano. Nel settore dell’infanzia, ad esempio, abbiamo preso contatti con l’Associazione “Cor Solis” e l’AGE (Associazione genitori) di Cerignola, con cui organizzeremo attività insieme. Inoltre mi piace coinvolgere eccellenze cerignolane che meritano: mi piacerebbe ospitare qui in libreria giovani artisti con le loro opere”, dice.

Curiosando tra libri e giocattoli ci si accorge subito che si tratta di prodotti accuratamente scelti e selezionati. “Questa libreria indipendente raccoglie proposte che sono state ricercate e selezionate una per volta, per assicurare ai clienti il meglio. Ogni prodotto qui esposto contiene un messaggio di inclusione sociale, questo è il valore aggiunto che ci tengo a mettere in evidenza”, dichiara Marianna.

Nei prossimi mesi la libreria aprirà le porte alle scuole per visite didattiche e letture guidate. Gli studenti avranno la possibilità di scoprire o (ri) scoprire il piacere di leggere con la guida dei loro insegnanti.

Intanto la mia attenzione cade su alcuni libri dedicati ai genitori. Argomento: l’educazione dei figli. Un tema delicato, che va affrontato nella maniera più giusta e ascoltando il parere degli esperti. Prendo un libro, lo sfoglio, dopo poche battute lette mi convince e lo acquisto.

“Vedi, mi piacerebbe che la gente entri in libreria per assaporare il gusto di leggere qualche pagina anche senza acquistare, come si fa nelle città. C’è un ragazzino di dieci anni, Gabriele, che viene qui ogni giorno a leggere qualche pagina dei suoi libri preferiti. Rimane in libreria per un bel po’ e mi fa tanto piacere.”, termina Marianna.

Si respira una bella aria, in questo posto. Colori, odore di libri nuovi, entusiasmo e voglia di incontrare gente per trasmettere la passione per la lettura. Io sono sicura che Marianna ha centrato l’obiettivo e che questo luogo avrà tante belle storie da raccontare.

 

 

Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Tweet about this on TwitterShare on Facebook0
Autore
Cristiana Lenoci
Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con *

*

*