Home > Idee innovative > Ludovica Casellati: vi racconto cicloturismo, libertà ed emozioni

Ludovica Casellati: vi racconto cicloturismo, libertà ed emozioni

Magazine online Viagginbici

Magazine online Viagginbici

Galeotto è stato un viaggio in bicicletta sulla Loira, con il marito ed il figlioletto di tre anni. Al termine di questa bellissima esperienza Ludovica Casellati, una carriera da manager e la passione per il giornalismo, decide di aprire un magazine online per appassionati di turismo in bicicletta. Il sito si chiama www.viagginbici.com.

Ludovica racconta la sua scelta (coraggiosa) di lasciare la concessionaria di pubblicità di Mediaset per la quale lavorava e che le aveva chiesto di trasferirsi da Padova a Milano, e buttarsi anima e cuore in questo suo nuovo progetto editoriale. “Mi sono detta: e se invece di accettare cambiassi del tutto lavoro?”. L’idea è, per la precisione, quella di raccontare sul web i percorsi che si possono scegliere in bici, emozioni comprese. I viaggi proposti sono tutti “testati” in prima persona. Inoltre sul sito vengono pubblicati i reportage che arrivano dai tanti appassionati di cicloturismo.

“Per questo progetto ho dovuto investire circa 60 mila euro- prosegue Ludovica- che comprendono il marketing, la realizzazione del magazine, la costituzione della società e la relativa gestione”. Ora, però, cominciano ad arrivare gli introiti economici dalla pubblicità. Località turistiche, gruppi alberghieri, tour operator hanno investito sul magazine per far conoscere le loro iniziative.

“L’obiettivo principale è sempre quello di diffondere il più possibile il magazine, partecipando a fiere di settore, social network, eventi. Il contatto con la gente e il networking sono attività indispensabili per la crescita del magazine, anche se non deve mai sottovalutarsi il potere del passaparola. Una volta che si è guadagnato un lettore, bisogna tenerselo stretto, il web non perdona!”, dice Ludovica.

Comunque per molti appassionati di bicicletta il magazine realizzato da Ludovica è un vero e proprio sito di riferimento, ed infatti il numero dei lettori continua ad aumentare, crescendo già del 25% ogni mese. C’è da essere ottimisti per il futuro, quindi.

Ti interesserebbe creare un magazine online come ha fatto Ludovica? Per realizzare una rivista online è necessario che ci siano un proprietario, un editore (responsabile civilmente) e un direttore pubblicista o giornalista professionista (responsabile penalmente). Bisogna poi registrare la testata presso la cancelleria del Tribunale, indicare il provider che ospita il sito con l’indirizzo completo e autorizzazione del Ministero delle Comunicazioni. Nelle pagine del sito devono essere sempre indicati luogo e anno della pubblicazione, il nome dell’editore e quello del direttore responsabile.

Articolo realizzato da Cristiana Lenoci

 

 

 

 

Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Tweet about this on TwitterShare on Facebook0
Autore
Cristiana Lenoci
Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con *

*

*