Home > Dalla passione al lavoro > Lorenzo Villoresi: un profumo racconta di noi

Lorenzo Villoresi: un profumo racconta di noi

Lorenzo Villoresi

Dietro ogni fragranza c’è una storia. E’ questo il principio da cui parte il dott. Lorenzo Villoresi, ricercatore accademico di Filosofia Antica con la passione per i profumi. Lo abbiamo intervistato per entrare nel meraviglioso mondo delle fragranze, che, a quanto pare, è utile anche per conoscere la personalità di chi le utilizza.

Tra i progetti futuri di Villoresi c’è l’inaugurazione, a Firenze, del Museo del Profumo con annessa Accademia, un luogo in cui scoprire e imparare i diversi percorsi aromatici. Il profumo è, da sempre, una caratteristica che definisce personaggi e stili di vita. Non a caso la grande stilista Coco Chanel diceva: “Una donna che non ha profumo non ha avvenire”.

R: Da dove nasce la Sua passione per le fragranze e i profumi?

V: E’ iniziato tutto un po’ per caso durante i miei lunghi viaggi in medio – oriente. Sono sempre stato attratto dagli odori e dagli aromi ma li mi sono trovato addirittura circondato da essenze, spezie, balsami, unguenti, resine odorose… Non ho potuto fare a meno di iniziare a collezionare flaconi delle più diverse materie aromatiche e, una volta rientrato in Italia, fare dei primi rudimentali esperimenti di miscelazione e composizione di fragranze.

In questo modo ho scoperto di avere una vera passione per questa attività e forse anche un po’ di talento sul quale ho deciso di investire studiando, sperimentando, provando, osando e cimentandomi con composizioni sempre più complesse fino ad arrivare a creare la mia Maison di profumeria artistica.

R: Come è possibile rivelare la personalità di qualcuno partendo dalla sua fragranza preferita?

V: Non è sempre facile perché oggi, diversamente dal passato, la scelta della fragranza fa parte dell’insieme del lifestyle di una persona al pari dell’abbigliamento e di altre cose esteriori. E infatti spesso la pubblicità dei profumi non parla degli ingredienti del profumo ma si limita a evocare un certo tipo di stile di vita nel quale la persona si può più o meno identificare.

In altre parole, al giorno d’oggi, è raro che una persona adotti e usi una sola fragranza per tutta la vita come versione odorosa della sua identità. E’ molto più frequente che la cambi a seconda delle le stagioni, le occasioni, l’umore ecc.

In generale però è vero che le persone tendenzialmente estroverse sceglieranno probabilmente fragranze più fresche, vivaci o magari insolite, le persone un po’ più timide e riservate opteranno per fragranze delicate, sobrie e abbastanza classiche. Così come i temperamenti romantici, specie fra le donne, prediligeranno fragranze tenui, fiorite, dolci, avvolgenti e cipriate mentre quelli più sensuali opteranno per le fragranze così dette “orientali” ricche di note opulente, calde e sontuose.

R:   Il Museo del Profumo e l’Accademia annessa saranno inaugurate a breve: cosa si potrà imparare in questi luoghi?

V: Stiamo pensando ad una ampia serie di attività che spazieranno dai corsi base per appassionati e neofiti a corsi più specialistici per chi ha già una buona preparazione di base o già lavora nel mondo delle fragranze. Prevediamo anche di avere delle attività rivolte ai bambini e ai giovanissimi e molte altre.

R: E’ vero che bisognerebbe utilizzare un profumo per ogni stagione dell’anno?

V: Non necessariamente. Certo in inverno di solito si preferiscono fragranze più intense, avvolgenti e “calde” mentre d’estate si è portati a scegliere fragranze più leggere e fresche. Ma se uno ama molto la propria fragranza la userà tutto l’anno magari in una versione più leggera d’estate e in una versione più concentrata d’inverno.

R: Qual è il target della sua clientela? Più uomini o più donne si rivolgono a Lei per consulenze di questo tipo?

V: Noi non abbiamo un “target” specifico. Si rivolgono a noi uomini e donne profondamente diversi sia per status socio-economico, nazionalità, cultura, tradizioni, abitudini e stili di vita. Ciò che li accomuna è solo una autentica passione per le fragranze a cui danno molta importanza.

LV_Blotter_Quagli

Intervista realizzata da Cristiana Lenoci

Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Tweet about this on TwitterShare on Facebook0
Autore
Daniele Orlandi
Daniele Orlandi
Giornalista pubblicista, mi occupo di comunicazione in tutte le sue forme. Laureato in Comunicazione Digitale collaboro con testate giornalistiche (quotidiani e settimanali, cartacee e online) e sono specializzato in comunicazione sul web, S.E.O., contenuti editoriali indicizzabili sui principali motori di ricerca, comunicazione in real time. Lavoro da tempo con il team di Articoliinvendita, occupandomi della creazione di contenuti editoriali per il web e la carta stampata.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con *

*

*