Home > Guide > La professione dell’ingegnere meccanico: tutto quello che c’è da sapere

La professione dell’ingegnere meccanico: tutto quello che c’è da sapere

Oggi vi andremo a parlare della figura dell’ingegnere meccanico e scopriremo tutto ciò che riguarda questa professione che spesso viene poco compresa da coloro che non sono del mestiere.

Sappiamo bene che il settore dell’ingegneria è un mondo in cui vi sono numerose opportunità lavorative. Molte sono le specializzazioni che l’ingegneria meccanica offre, anche se queste potrebbero somigliarsi tra di loro in quanto ogni mestiere legato all’ingegneria ha sempre a che fare con le forze naturali e con la scienza.

 

 Di cosa si occupa l’Ingegnere Meccanico

L’ingegnere meccanico si occupa della progettazione di sistemi meccanici, e in un secondo momento, si occupa anche della realizzazione fisica e in seguito della manutenzione. Tutto questo lo fa applicando i principi fisici delle scienze materiali, realizzando così un macchinario che è in grado di rispondere alle esigenze precise di un determinato cliente. Questa professione si occupa della realizzazione di piani energetici come un sistema geotermico fotovoltaico, oppure anche impianti di ventilazione o di climatizzazione. Inoltre il suo compito è anche quello di progettare e realizzare sistemi meccanici utilizzati per il trasporto o per la produzione.

Il lavoro dell’ingegnere meccanico inizia dallo studio della reale possibilità di concretizzare un preciso progetto richiesto dal cliente. Vi sono società di ingegneria, come sengineering.it, che dedicano un intero reparto proprio alla Ricerca e allo Sviluppo, fondamentali per qualsiasi progetto nuovo. Si tratta di una fase in cui l’ingegnere mette in pratica tutte le sue conoscenze e fa in modo di far capire, alla persona che ha di fronte, se si tratta di un qualcosa di fattibile o meno. Nel caso in cui è un progetto realizzabile, si passa alla seconda fase, ossia quella della realizzazione di bozzetti del progetto. In seguito si prosegue con la realizzazione del prototipo che dovrà essere testato e sottoposto ad approvazione dell’azienda.

Come si diventa ingegnere meccanico

 

Per diventare ingegnere meccanico, il percorso da seguire non è affatto semplice. Il primo passo è quello di iscriversi a un corso di laurea ingegneria meccanica, che molto spesso è a numero chiuso. In seguito lo studente dovrà conseguire una laurea triennale in ingegneria meccanica e decidere di fermarsi o di proseguire con una specialistica. Si tratta comunque di scelte che determinano un tipo di carriera diversa: chi si ferma con la laurea triennale potrà iscriversi alla sezione B dell’albo professionale, chi decide di continuare con la specialistica, potrà accedere alla sezione A.

Quanto guadagna un ingegnere meccanico

 

La figura dell’ingegnere meccanico è un qualcosa di molto richiesto all’interno delle aziende e che, allo stesso tempo, guadagna molto. In media, un professionista porta a casa circa 18 euro l’ora per un complesso di 35 mila euro l’anno.  Si tratta comunque di un mestiere che permette di avere uno stipendio molto alto già dalle prime esperienze in quanto un ingegnere appena assunto può arrivare a guadagnare tra 22 mila euro a 27 mila euro l’anno.

Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Tweet about this on TwitterShare on Facebook0
Autore
Cristiana Lenoci
Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con *

*

*