Home > Guide > La perdita dei capelli nelle donne

La perdita dei capelli nelle donne

Molte sono le donne che soffrono di alopecia, sia che si tratti di alopecia areata che di quella androgenetica. Proprio per contrastare questo problema, diversi sono i rimedi che possono trovarsi in commercio e che sono di grande aiuto. Per essere sicura di acquistare il prodotto più adatto alla tua condizione, qui potrai trovare tutte le informazioni  necessarie.

Per capire quale rimedio è utile, è necessario comprendere quali sono le cause della perdita di capelli. Per  questo vi andremo ad elencare le diverse cause che provocano un diradamento della chioma nelle donne.

Cause dell’alopecia androgenetica

Sappiamo bene quanto siano importanti i capelli per una donna e quindi la loro perdita, oltre che creare un problema estetico, causa anche un malessere psicologico di bellezze e di stile. Oggi è fondamentale conoscere perfettamente le cause che provocano l’alopecia quindi un diradamento sensibile, o nel peggiore dei casi, una perdita totale dei capelli.

‍Le cause dell’alopecia sono diverse e di varia natura. In alcun casi possono essere semplicemente una causa dello stress, di traumi emotivi o disordini nutrizionali e nervosi che colpiscono una donna durante alcune fasi particolari della propria vita.

Per esempio, un episodio di alopecia areata potrebbe presentarsi nel momento in cui si segue una dieta troppo drastica.

È importante sapere che l’alopecia è un qualcosa da cui si può guarire, utilizzando i giusti rimedi naturali. Prima di assumere integratori o prodotti di ogni genere contro la calvizie, è importante conoscerne bene la causa.

‍I diversi problemi di alopecia che possono presentarsi nelle donne

Nel momento in cui una donna soffre di alopecia  areata, bisogna sapere che non è qualcosa di irreversibile e che può essere curata tranquillamente. Basta solo riuscire ad individuarne la causa.

L’alopecia femminile è molto sensibile agli squilibri ormonali e quindi si manifesta maggiormente durante il periodo di menopausa. Vediamo insieme i diversi tipi di alopecia che possono colpire una donna.

Alopecia aerata

L’alopecia areata si manifesta con delle macchie di forma rotonda sul cuoio capelluto. È una perdita che può essere presente in ogni fase della vita legata a stress molto forti. Di solito i capelli ricrescono senza problemi anche se ci sono alcun casi in cui la ricrescita può non avvenire. Per contrastare l’alopecia areata è possibile avvalersi della Medicina Rigenerativa e di ogni terapia ad essa associata, che sono in grado di contrastarne lo sviluppo.

Alopecia seborroica

Il sebo è una sostanza che ha il compito  di proteggere il capelli dagli agenti esterni. Nel momento in cui questo viene prodotto in modo eccessivo possiamo assistere ad un fenomeno chiamato seborrea da cui prende il nome di l’alopecia seborrea. Nel momento in cui il sebo si presenta in quantità eccessive, il cuoio capelluto può diradarsi e velocizzare così il processo di caduta.

Alopecia cicatriziale

L’alopecia cicatriziale può essere classificata in modo diverso: alopecia che deriva da fattori chimici e fisici, alopecia causata da malattie ereditarie, alopecia tumorale e alopecia causata da dermatite.

Nel caso in cui si parla di alopecia tumorale, sappiamo bene che si tratta di un fenomeno che non si può fermare.

Alopecia universale

Le cause dell’alopecia universale sono diverse e possono derivare da: fattori genetici, problemi ormonali, trattamenti medici, forte stress, alimentazione scorretta e altre patologie che possono interessare il cuoio capelluto.

Quindi una volta che si è capito quale tipo di alopecia si ha, è possibile riuscire a trovare la cura più adatta, e rivolgersi ad uno specialista se si tratta di una perdita di capelli molto importante.

Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Tweet about this on TwitterShare on Facebook0
Autore
Cristiana Lenoci
Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con *

*

*