Home > Storie dal mondo > Iris Grace, cinque anni e autistica: dipinge come Monet

Iris Grace, cinque anni e autistica: dipinge come Monet

Iris Grace

Iris Grace

Una bimba di soli cinque anni che sa dipingere come se incarnasse il genio creativo di Monet: Iris Grace è un prodigio, anche perché è autistica dalla nascita. Originale, estrosa, raffinata come se avesse frequentato anni di Accademia di pittura, la piccola Iris in passato non si lasciava neppure guardare negli occhi. Come racconta sua madre, la bimba soffriva di comportamenti ossessivi ed era spesso agitata e nervosa. Poi i genitori decidono di provare con una terapia, e la sottopongono a qualche ora di esercizio alla pittura, senza alcuna forzatura, preparando per Iris gli strumenti e le tempere necessarie.

Con il passare del tempo i genitori si rendono conto che i risultati vanno ben oltre le loro aspettative: per Iris la pittura rappresenta una vera e propria salvezza. L’autismo di Iris ha conferito al suo modo di dipingere uno stile personale ed un’abilità incredibile per una bambina della sua età. Il disegno non è più soltanto lo strumento per aiutare Iris ad interagire e a comunicare, visto che le sue opere d’arte stanno facendo il giro del mondo. Intanto la piccola, tra un disegno e l’altro, sta anche imparando a parlare, con grande gioia e soddisfazione dei genitori e di chi le sta accanto.

Attraverso l’arte e la pittura il “mostro” dell’autismo sembra lentamente allontanarsi dalla vita di Iris Grace, il cui entusiasmo per la vita è simile a quello dei bimbi della sua età che scoprono giorno dopo giorno il mondo e le sue bellezze.

Articolo realizzato da Cristiana Lenoci

Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Tweet about this on TwitterShare on Facebook0
Autore
Cristiana Lenoci
Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con *

*

*