Home > Idee innovative > Gianpaolo Vairo: la mia startup per il turismo online

Gianpaolo Vairo: la mia startup per il turismo online

Gianpaolo Vairo, fondatore Localler- fonte foto: tecnohotelsnews.com

Gianpaolo Vairo, fondatore Localler- fonte foto: tecnohotelsnews.com

Ormai tutto passa attraverso il web, anche i viaggi ed il turismo in generale. Ci ha visto bene Gianpaolo Vairo, trentatreenne di Belluno che, ad un certo punto della sua vita ha deciso di lasciare l’Italia e andare a vivere in Spagna. Qui, insieme alla sua compagna Giulia Nidaslo, ha realizzato “Localler”, una piattaforma online per PMI che operano nel settore turistico. Si tratta di un’idea innovativa per aiutare le imprese a promuovere e distribuire in Europa i prodotti turistici, differenziando i vari canali di vendita online (Trip4real, Airbnb, Wimbdu) e offline.

Gianpaolo è un ragazzo come tanti che qui in Italia non riesce a realizzarsi professionalmente. In Spagna qualcuno decide di credere nella sua idea, e così la sua startup può muovere i primi passi. L’incubatore di idee (Incubio di Barcellona) aiuta Gianpaolo e Giulia a sviluppare una piccola impresa che in poco tempo passa rapidamente da due soci fondatori a sette dipendenti con diverse mansioni e competenze.

Localler è una piattaforma integrata che si rivolge alle imprese turistiche europee, quindi anche a quelle italiane. Se le cose continuano ad andare bene, Gianpaolo vorrebbe aprire a breve una sede anche nel nostro Paese. Rispetto alle altre piattaforme online che si occupano di turismo, Localler ha una marcia in più, e il suo ideatore ci tiene a sottolinearlo.

“Abbiamo puntato su l’Open Product Platform, uno strumento che consente a professionisti di una stessa zona di condividere diversi prodotti in modo da aumentare l’offerta singola e creare pacchetti turistici senza alcun costo di intermediazione”, spiega Gianpaolo.

La startup creata da questo intraprendente ragazzo italiano esperto ed appassionato di viaggi e turismo è l’ennesima dimostrazione di come sia possibile utilizzare le moderne tecnologie con intelligenza, cercando di soddisfare le esigenze della clientela nel settore turistico, che è sempre più in crescita.

“Oggi- prosegue Vairo- quasi l’80% delle prenotazioni si fa online, ed il 45% di queste tramite smartphone: il potenziale di crescita è evidente, per cui chi resta fuori diventa assolutamente invisibile”.

Il potenziale di Localler è molto elevato: dovrebbe riuscire a raggiungere oltre 15.000 PMI in tutta Europa.

In bocca al lupo!

Articolo realizzato da Cristiana Lenoci

Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Tweet about this on TwitterShare on Facebook0
Autore
Cristiana Lenoci
Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con *

*

*