Home > Dalla passione al lavoro > Bibiana Parisi: dalla passione per la moda un marchio di abiti

Bibiana Parisi: dalla passione per la moda un marchio di abiti

bibiana parisi

“Non ti è mai dato un sogno senza che ti sia data la possibilità di realizzarlo”

Richard Bach

Una giovanissima pugliese di Cerignola (Fg) si racconta a Iocelhofatta. Il suo nome è Bibiana Parisi, e da poco ha realizzato un marchio di abiti che porta il suo nome “Bibiana Parisi Couture”. L’abbiamo incontrata per conoscerla meglio, e questo è il risultato della nostra piacevolissima chiacchierata.

R: Ciao Bibiana. Qualche giornale locale nei giorni scorsi ha riportato la tua esperienza professionale, in particolare la partecipazione ad un evento a Sanremo, durante il quale hai presentato la tua collezione di abiti. Come hai vissuto questo evento importante?

B: Sono stata molto contenta per come è andata a Sanremo. Mi sono trovata bene, ho incontrato bella gente ed un ambiente gradevole. Questi appuntamenti, per me che sono così giovane, rappresentano una “vetrina” importante per i contatti che potrebbero essere utili in futuro e per farsi conoscere. Io poi sono una persona tendenzialmente timida, quindi partecipare a questi eventi oppure farmi intervistare sono “prove” che devo superare per sentirmi più sicura nel mio lavoro. La mia “gavetta” è appena cominciata.

R: “Bibiana Parisi Couture” è il nome che hai dato al marchio di abiti che hai realizzato. A chi ti ispiri e a chi è rivolto?

B: I miei modelli di riferimento sono i grandi stilisti come Chanel e Dior, e in genere tutta la moda francese. Gli abiti da me realizzati sono pensati per donne che amano curare i dettagli e che non vogliono passare inosservate. Infatti si tratta di abiti piuttosto audaci, con giochi di pizzi e trasparenze molto sensuali che esaltano la femminilità. Il mio marchio è piuttosto “giovane”, visto che è stato registrato a Gennaio 2017!

R: Come è nata la tua passione per la moda? Qual è stato il tuo percorso di studi?

B: Da piccola confezionavo abiti per le mie bambole. Poi, crescendo, è venuta da sé l’iscrizione all’Ipsia Abbigliamento e moda di Cerignola, un percorso di studi pensato apposta per chi ama il disegno e vuole intraprendere una professione nel campo della moda. Devo dire che sono stata fortunata ad incontrare docenti che hanno creduto fermamente in me e nelle mie capacità: penso che grazie a loro oggi sto raggiungendo questi traguardi. In particolare, con il mio professore di disegno si era creata una forte empatia, c’era grande sintonia.

R: Nonostante la tua giovane età, ti sei fatta un’idea del mondo della moda?

B: So che, come tutti gli ambienti professionali, anche nella moda ci sono raccomandazioni e non mi aspetto che le cose vadano sempre nel verso giusto. Fino ad ora, per fortuna, non ho ricevuto alcuno sgambetto e sto andando avanti con le mie sole forze e la mia volontà.

R: Pensi di tentare la strada dell’imprenditoria nella moda?

B: Non lo escludo, ma per il momento devo ancora imparare molte cose. Per fortuna posso contare su validi collaboratori, come Sebastiano Gramegna, di Bisceglie, che è anche un amico, e con il quale ho avviato una collaborazione professionale che spero dare soddisfazioni anche nel futuro.

R: Quali sono i tuoi prossimi obiettivi professionali?

B: A Giugno ho intenzione di partecipare alla Settimana della Moda a Montecarlo. Come Sanremo, si tratta di una vetrina per farmi conoscere può essere un trampolino di lancio per nuove “avventure”. Io sono pronta!

Che dire… davvero tanta determinazione in queste parole, nonostante un velo di timidezza che, però, rende questa ragazza ancora più speciale. In bocca al lupo!

Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Tweet about this on TwitterShare on Facebook0
Autore
Cristiana Lenoci
Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con *

*

*