Home > Scelte di vita > Andrea Caschetto: giro il mondo per far sorridere i bimbi

Andrea Caschetto: giro il mondo per far sorridere i bimbi

Andrea Caschetto-fonte foto: plus.goole.com

Andrea Caschetto-fonte foto: plus.goole.com

C’è chi viaggia con lo scopo di studiare lingue all’estero, chi per visitare monumenti ed opere d’arte, chi ancora perché desideroso di conoscere culture e tradizioni diverse. Per il 24enne ragusano Andrea Caschetto, che da sette anni gira i continenti ed ora è in procinto di partire per lo Sri Lanka e poi verso l’Asia, il viaggio ha dei precisi obiettivi: aiutare i bambini bisognosi, giocare con gli orfani rinchiusi negli orfanotrofi, farsi promotore della lotta contro la pedofilia. Andrea ha un budget di 4 mila euro a disposizione, viaggia da solo e attraverso le onlus intercetta i vari orfanotrofi in giro per il mondo: qui lui arriva a strappare il sorriso di tanti bambini tristi ed infelici. “Fosse per me, farei un mondo comandato dai bambini”, ha dichiarato.

Nei suoi viaggi per il mondo, ha conosciuto tanti bambini, ha ascoltato tante storie. Qualcuno gli è rimasto nel cuore più di altri. “Ho incontrato un bambino che somigliava a Mario Balotelli, avevamo legato tantissimo, e quando dovevo ritornare in Italia ho sofferto tanto per il distacco. Quel bimbo mi ha fatto venire voglia di diventare padre, io li adotterei tutti”, racconta il giovane ragusano.

Tra i suoi progetti importanti vi è la pubblicazione del libro intitolato “Arcobaleno-Scivolando per il mondo”, i cui proventi delle vendite vengono devoluti alle onlus che si occupano appunto dell’infanzia negata. Nel corso dei suoi lunghi viaggi, Andrea ha vissuto momenti spiacevoli ed anche pericolosi,  ha vissuto sulla sua pelle sia la corruzione e lo scambio di droga e armi, che l’abominevole fenomeno della pedofilia, che purtroppo coinvolge bimbi indifesi in tantissimi Paesi del mondo. “Potrei diventare un vero e proprio cacciatore di pedofili”, ha ammesso Andrea.

Altra esperienza che il giovane ha voluto provare di persona è stata il giro per il mondo in sedia a rotelle. “Ho vissuto un mese sulla sedia a rotelle, la cosa più fastidiosa è come le persone ti guardano, con pietismo”. In bocca al lupo, buon viaggio Andrea. Presto torneremo a scrivere di lui.

Articolo realizzato da Cristiana Lenoci

Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Tweet about this on TwitterShare on Facebook0
Autore
Cristiana Lenoci
Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con *

*

*