Home > Idee innovative > Addio posto fisso: ora Micaela e Paolo coltivano zafferano

Addio posto fisso: ora Micaela e Paolo coltivano zafferano

Micaela e Paolo Corda-fonte foto: web

Micaela e Paolo Corda-fonte foto: web

Una scelta particolare, difficile al giorno d’oggi, ma che si è rivelata vincente: Micaela Soldano e Paolo Corda, rispettivamente di 35 e 31 anni, hanno deciso di lasciare il posto fisso per dedicarsi alla coltivazione dello zafferano di Monferrato, un’antica coltura piemontese.

Micaela era una dirigente di banca assunta a tempo indeterminato, mentre Paolo era un architetto laureatosi a pieni voti con una carriera già avviata. Da circa sette anni i due coniugi, insieme, gestiscono un’azienda dedita alla produzione e alla coltivazione di zafferano. Quello del Monferrato rappresenta un prodotto tipico del Piemonte, si tratta di una coltura antica che è stata a giusta ragione riscoperta e lanciata sul mercato.

Il terreno sul quale sorge l’azienda di Micaela e Paolo si trova sulle colline astigiane, a circa 40 km da Torino. Paolo, con le sue competenze di architetto, ha ristrutturato il casolare ricavando anche un laboratorio. I campi circostanti misurano circa 2500 metri quadri. La vita in campagna è piuttosto impegnativa: la sveglia è alle 4 del mattino, la raccolta dei fiori di zafferano si concentra soprattutto nei mesi invernali di ottobre e novembre.

Come la coppia stessa racconta, i fiori sono molto delicati e devono quindi essere raccolti uno ad uno. Alle otto del mattino si passa nel laboratorio, dove ogni singolo fiore viene aperto per estrarre lo zafferano e i pistilli, che vanno messi ad essiccare. I fiori vanno raccolti tempestivamente e con molta delicatezza, per evitare che possano marcire. Anche la cura dei campi richiede parecchio impegno: basti pensare che l’erba va pulita filo per filo affinchè non si rovini.

Amici e parenti non hanno subito compreso la scelta della coppia, i genitori in particolare hanno provato di tutto per fargli cambiare idea. Alcuni amici più stretti, però, hanno apprezzato la decisione di Micaela e Paolo e oggi sono i loro più convinti sostenitori. Dopo essere stato coltivato e raccolto, lo zafferano viene venduto attraverso diversi canali: oltre ai classici mercatini della zona, Micaela e Paolo hanno cercato di potenziare il web, con un sito e una pagina Facebook. I due produttori ci tengono a precisare che ogni fase del processo è svolta a mano, senza alcun additivo chimico o mezzi meccanici. “Già dal secondo anno di attività abbiamo cominciato a vedere i primi guadagni”, dichiarano Micaela e il marito.

Oltre a produrre zafferano, l’azienda realizza confetture di more, mirtilli, fragole e lampone. L’esempio di Micaela e Paolo è di monito a tanti giovani che si lamentano per la mancanza di lavoro nel nostro Paese. “Tornate alla terra, molti anziani non ce la fanno a coltivare i campi da soli. Qui c’è posto per tutti”: le parole di questa giovane coppia dovrebbero far riflettere sulle reali prospettive occupazionali nell’agricoltura.

Articolo realizzato da Cristiana Lenoci

 

Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Tweet about this on TwitterShare on Facebook0
Autore
Cristiana Lenoci
Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con *

*

*