Home > Battaglie per i diritti civili > Tia Pesando: sono transgender e voglio diventare suora

Tia Pesando: sono transgender e voglio diventare suora

Tia Pesando, novizia transgender

Tia Pesando, novizia transgender

E’ decisa a prendere i voti, la novizia canadese Tia Pesando. La giovane transgender, che nell’Ontario già chiamano “suora pioniera”, vuole diventare una religiosa, rompendo così uno dei più potenti tabù della Chiesa cattolica: l’ingresso delle persone trans gender all’interno dei conventi.

Tia comincerà ad Agosto il noviziato che la porterà a diventare una suora a tutti gli effetti, il periodo di “training” sarà svolto presso un convento carmelitano. La novizia trans ha ricevuto il nullaosta e la benedizione del suo parroco. “Se qualcuno ostacolerà il mio percorso, mi rivolgerò al Papa”, ha dichiarato la giovane canadese, nata intersex (ossia senza una precisa identità sessuale), che ha vissuto la maggior parte dei suoi anni come un maschio: il suo nome era Ted.

Soltanto sei anni fa, uscendo da una situazione che era diventata ormai una prigione, decide di cominciare la terapia ormonale che l’ha portata verso il genere femminile. Due anni fa, poi, Tia si sente “chiamata dal Signore”, percepisce una voce interiore che la invita ad intraprendere la strada che Dio ha scelto per lei. “So che potrò incontrare delle difficoltà, ma sono pronta ad affrontarle, so che nella Chiesa cattolica contano molto le gerarchie”, ha detto Tia, che però non si arrende e vuole realizzare il suo più grande desiderio: servire il Signore con l’abito monacale.

La pioniera transgender spera di infrangere il muro di tabù  pregiudizi che ancora esiste nei confronti degli omosessuali, seguendo le aperture di Papa Francesco. La storia di Tia, così ricca di spunti e riflessione per tutti (non solo per chi appartiene al mondo religioso e cattolico) è raccontata con grande maestria e delicatezza nel libro intitolato “Why God doesn’t hate you”.

Tia potrebbe diventare presto la prima suora transgender nel mondo, a testimonianza di come qualcosa, nel mondo cattolico, si sta muovendo. Abbiamo però un precedente tutto italiano: si tratta della scrittrice e artista italiana Giò Stajano, scomparsa nel 2011, conosciuta come prima transessuale pubblicamente dichiarata in Italia.

Articolo realizzato da Cristiana Lenoci

 

Share on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Tweet about this on TwitterShare on Facebook0
Autore
Cristiana Lenoci
Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con *

*

*