Home > Scelte di vita > Pia Tribuzio: nella pallavolo ci ho messo tutta me stessa

Pia Tribuzio: nella pallavolo ci ho messo tutta me stessa

Pia Tribuzio

Quando si ha di fronte una donna che è riuscita a realizzare i suoi sogni ed è appagata lo si capisce subito: gli occhi brillano di una luce intensa ed emanano forza ed energia. Questo è successo a me, che ho avuto la fortuna di incontrare e intervistare Pia Tribuzio, trentacinquenne di Cerignola, una bravissima atleta che è anche mamma di due splendidi bambini. In un pomeriggio di sole e vento ha voluto raccontarmi la sua esperienza sportiva, terminata dopo anni vissuti intensamente e sempre con grande passione.

R: Pia, a 35 anni puoi ben dire di essere riuscita a realizzare un tuo grande desiderio: giocare in pallavolo in serie A insieme alle beniamine alle quali anni prima avevi chiesto un autografo.

P: Sì! Anche se non ho giocato da titolare, posso dire di avere fatto una grande esperienza sportiva ed umana, lasciando qualche traccia di me. L’emozione di indossare la maglia della serie A è impagabile, non ho pensato assolutamente ai sacrifici fatti per arrivare, mi sono goduta pienamente quei momenti, che penso di essermi del tutto meritata.

R: A quanti anni hai cominciato a giocare a pallavolo?

P: Ho cominciato frequentando la palestra dell’UDAS di Cerignola, alle scuole medie. Mi reputo fortunata perché in quegli anni ho conosciuto persone fantastiche, come gli allenatori Maria Luisa Russo, Michele Valentino e Roberto Ferraro, che hanno saputo seguirmi e motivarmi. Si sa che l’adolescenza è un periodo difficile e turbolento, ma io avevo le idee chiare e ho avuto la fortuna di condividere allenamenti e risate con amici che sono diventati come fratelli per me.

R: Dopo l’UDAS, quali esperienze sportive hai fatto?

P: La mia allenatrice Maria Luisa Russo aveva capito che avevo voglia di arrivare lontano e ha contattato un procuratore che mi ha permesso di giocare in una squadra B1 della Sicilia. Ho fatto i bagagli e sono andata a giocare a Siracusa per un anno. Non dimenticherò mai quello che ho vissuto qui e le persone che mi sono state vicine. In particolare, devo molto all’allenatore spagnolo Antonio Jimenez Armas. Dopo questo periodo siciliano sono andata a giocare a Brindisi e poi a Pontecagnano. A Castellana ho giocato in A1 per poi, finalmente tornare nella mia città, Cerignola, coronando il sogno di farla arrivare in serie B1.

R: Qual è stato il ruolo della tua famiglia in questo percorso di sport e di vita?

P: Mia madre, quando ha capito che ero innamorata di questo sport, mi ha subito detto: “Ricordati che non si vive di pallavolo”, esortandomi a studiare e a prendere buoni voti sia a scuola che all’università. Io mi sono resa conto che la pallavolo era la mia strada quando, a costo di grandi sacrifici, studiavo e nello stesso tempo non mi perdevo un allenamento. La mia motivazione, unita alla mia grande curiosità e voglia di apprendere continuamente, mi ha portato  a realizzare risultati che neppure io pensavo di ottenere.

R: Perché hai deciso di “attaccare la palla al chiodo”?

P: Ho partecipato ad un concorso per entrare nella scuola, e l’ho vinto. Sono stata chiamata per la mia prima supplenza in una scuola di Cerignola, e ora vorrei dedicarmi a questo e ai miei figli. In passato ho dovuto rinunciare a stare con loro più tempo a causa degli allenamenti e delle trasferte, anche se penso che per un genitore conti più la qualità che la quantità del tempo che trascorre con i figli.

R: Stai pensando di dedicarti all’attività di allenatrice, dopo tanti anni di esperienza come giocatrice?

P: Sinceramente no. Purtroppo non vedo intorno a me persone che abbiano la voglia di sacrificarsi per una passione sportiva. Da quando ho cominciato a giocare ad oggi sono cambiate un sacco di cose: le persone agiscono esclusivamente per interesse.

R: Giovani e sport oggi. Cosa ne pensi?

P: Oggi i genitori tendono ad “ovattare” i figli, proteggendoli da tutto e da tutti, impedendo loro di commettere errori, e quindi di crescere. Purtroppo la loro presenza nella vita dei figli è spesso ingombrante: ad esempio a scuola tendono a sostituirsi addirittura ai professori! Io invece ho l’esempio di mia madre, che non è mai entrata nella mia vita, mi ha lasciato libera di scegliere e di realizzarmi pienamente come donna.

R: La pallavolo è condivisione. Consigli quindi ai giovani di praticarla?

P: Sì, questo sport insegna a stare in gruppo, a rispettare gli altri. Credo sia uno degli sport più adatti per imparare a condividere vittorie e sconfitte, sul campo e nella vita.

R: Chi è Pia Tribuzio oggi, dopo tanti anni di allenamento alle spalle?

P: Il mio ruolo in campo è stato in difesa: mi sono sempre impegnata per costruire il gioco ideale e permettere alle mie compagne di attaccare e fare punti. Oggi mi sento ancora di dover imparare. Chiudo un capitolo della mia vita e ne apro un altro, ma con la stessa umiltà e caparbietà che gli altri mi hanno sempre riconosciuto.

Penso che uno dei modi migliori per chiudere questa chiacchierata sia quello di citare un aforisma di Richard Bach: “Non ti viene mai dato un sogno senza che ti venga dato il potere di farlo avverare”. Grazie Pia!

 

Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Tweet about this on TwitterShare on Facebook0
Autore
Cristiana Lenoci
Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con *

*

*