Home > Scelte di vita > Pasquale Mansi, un artista a schema libero

Pasquale Mansi, un artista a schema libero

pasquale-mansi

Quale migliore location per allestire una mostra d’arte di una libreria allegra e colorata? Incontriamo Pasquale Mansi, 25 anni, nella libreria “L’albero dei fichi” che ha da poco aperto i battenti qui a Cerignola. Pasquale è un giovane artista che ha esposto qui le sue opere per farle conoscere ad un pubblico più vasto. “Sono autodidatta, non ho studiato Arte o disegno. Anzi, provengo da tutt’altro indirizzo di studi e poi ho cominciato lavorare nel settore della ristorazione, gestendo un locale con la mia famiglia”, esordisce Pasquale. Mentre chiacchieriamo osservo con attenzione  le sue opere pittoriche e devo dire che l’esplosione di colori in alcune di esse mi colpiscono parecchio.

R: Dove hai imparato queste tecniche di astrattismo applicate ai tuoi disegni e, in particolare, la Spin-Art? (che ricrea la perfezione geometrica del cerchio attraverso l’utilizzo dell’acrilico o dell’inchiostro, n.d.r.)

P: Devo dire che Internet oggi aiuta molto: chi desidera imparare può farlo senza problemi seguendo video e tutorial sulle diverse tecniche artistiche. Ho scoperto che mi piaceva dipingere solo due anni fa, da allora non ho mai smesso e le mie opere non seguono alcuno schema convenzionale, né uno stile unico. Le tecniche che ho utilizzato sono sostanzialmente tre: Spin-Art, astrattismo e pittura figurativa.

R: Ecco perché la mostra è stata intitolata “Schema libero”. Tutto è nuovo, tutto è bello, tutto parla, tutto prende vita. In pratica non ami essere etichettato né imbrigliato in modelli artistici prestabiliti, giusto?

P: Io sono una persona libera, libera di esprimere idee e pensieri senza essere soggetta a qualcuno. Quello che dipingo rispecchia il mio carattere, la mia indole, ma anche alcuni momenti particolari della mia vita.

R: Quando hai scoperto che la pittura sarebbe diventata un hobby così importante per te?

P: Lavorando in cucina, mi sono accorto che do molta importanza all’estetica di ogni singola portata: insomma, mi piace presentare il piatto a tavola in un certo modo, che sia bello da vedere oltre che buono da mangiare. Poi, nel mio box, ho cominciato a mettere del colore a casaccio sulla tela e sono venuti fuori dei quadri che amo molto e che “dicono” tanto di me.

R: Cerignola è un paese poco stimolante dal punto di vista artistico e culturale. Non ti è mai venuta voglia di andare via e metterti alla prova in un altro luogo?

P: Con Cerignola, che è la città in cui sono nato e dove ho la mia famiglia e i miei amici, ho sempre vissuto un rapporto conflittuale, fatto di amore e odio allo stesso tempo. Mi sono sempre sentito “stretto” in questa realtà cittadina un po’ gretta, ma devo dire grazie a Cerignola se, provocando in me reazioni forti, ha stimolato la mia voglia di dipingere ed esprimere me stesso attraverso l’arte. Forse in altri luoghi mi sarei un po’ “perso” in altre cose.

R: Guardando i tuoi dipinti, Pasquale, mi viene di pensare che il caos, il disordine, è fonte di ispirazione nell’arte. Cosa ne pensi al riguardo?

P: Sicuramente nella mia arte a schema libero il caos svolge un ruolo preponderante. Basta osservare i colori, che sembrano buttati lì a casaccio ed invece dopo guardandoli bene acquistano un senso. E comunque di solito accompagno i miei quadri con qualcosa di scritto, che poi vado a rileggere per capire lo stato d’animo che avevo in quel momento esatto.

R: Hai intenzione di organizzare altre mostre?

P: Sì, questa è la mia intenzione. Per il momento non ho altre grosse aspettative, sono contento che la gente dimostra interesse verso le mie opere e nel futuro si vedrà.

Pasquale è giovane artista che ha ancora tanta strada da fare ma che sembra già determinato e con le idee chiare.

R: Sei consapevole che molti artisti sono diventati famosi grazie ad un incontro avvenuto al momento giusto?

P: Sì, certo. Spero allora di essere fortunato anche io, intanto faccio girare i miei dipinti per farli conoscere e apprezzare da un pubblico più ampio.

R: In bocca la lupo, te lo meriti. Davvero.

P: Grazie mille. A presto.

Le opere pittoriche di Pasquale sono sulla pagina Facebook: Macchie di pittura

Share on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Tweet about this on TwitterShare on Facebook96
Autore
Cristiana Lenoci
Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con *

*

*