Home > Storie dal mondo > Marco Savelli: correndo a New York aiuto il piccolo Federico

Marco Savelli: correndo a New York aiuto il piccolo Federico

Marco Savelli- fonte foto: M.S.

Marco Savelli- fonte foto: M.S.

Qualsiasi occasione può essere buona per compiere un gesto generoso e altruista. Marco Savelli è un giovane di Fano (PU) che sta per realizzare un sogno: correre alla Maratona di New York che si disputerà il 1° Novembre prossimo. Ha deciso di dedicare questo suo sogno al piccolo Federico Mezzina, un bimbo di Fano ammalato del morbo di Krabbe, una grave malattia ora in fase di regresso che richiede cure assai costose da effettuare all’estero.

I genitori di Federico, Vito e Tiziana, hanno lanciato un appello di solidarietà per ricevere aiuti economici, e Marco Savelli è stato tra i primi a rispondere con questa bella iniziativa intitolata “Run for Federico”. “Partecipando alla Maratona di New York voglio dare un aiuto economico alla famiglia di Federico, correrò con una maglietta in cui metterò la scritta “Run for Federico”. Chi vorrà, singole persone, associazioni  società potrà inserire il proprio nome ed il proprio logo.

Il ricavato verrà interamente devoluto alla famiglia e alla onlus “unasperanzaperfederico”, aggiunge Marco. Sul sito dell’associazione http://www.unasperanzaperfederico.org/ potrete conoscere la storia di Federico e trovare i riferimenti per eventuali donazioni. Forza, se ciascuno di noi fa quello che gli è possibile, ogni piccola goccia potrà diventare un mare di generosità!

12107200_1025409287504026_1806999924943608421_n

federicomezzina

Articolo realizzato da Cristiana Lenoci 

Share on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Tweet about this on TwitterShare on Facebook0
Autore
Cristiana Lenoci
Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con *

*

*