Home > Storie dal mondo > Giorgio Calcaterra, corre la Maratona di Roma due volte in un giorno

Giorgio Calcaterra, corre la Maratona di Roma due volte in un giorno

Giorgio Calcaterra alla Maratona di Roma

Giorgio Calcaterra alla Maratona di Roma, foto di Giancarlo Colombo

Impresa incredibile quella di Giorgio Calcaterra, che ha corso per due volte consecutive, nella stessa giornata, la Maratona di Roma

La forza di volontà unita all’impegno, alla costanza e alla determinazione, possono portare il corpo a raggiungere risultati incredibili e fuori da ogni immaginazione. Giorgio Calcaterra, corridore romano 42enne è l’incarnazione della volontà di spingersi verso obiettivi che per alcune persone potrebbero apparire come insormontabili. L’atleta lo ha dimostrato in occasione dell’edizione 2015 della Maratona di Roma che ha corso ben due volte..consecutive. Nell’arco della stessa giornata infatti Giorgio ha corso tra i professionisti, coprendo gli oltre 42 chilometri in 2 ore e 34 minuti e piazzandosi al nono posto. Ma la sua avventura sportiva non si è conclusa qui: dopo essersi sottoposto ai controlli anti-doping Giorgio Calcaterra è ripartito e ha percorso altri 42 chilometri, riuscendo di fatto a completare una seconda Maratona di Roma, quella dei dilettanti; ma non solo: l’atleta romano è riuscito a raggiungere l’ultimo atleta del gruppo dei dilettanti a due chilometri dal traguardo ed insieme a lui è arrivato alla fine della gara, di nuovo.

Una soddisfazione incredibile frutto dell’impegno ma anche della volontà di dar voce non solo ai ‘big’ ma anche a chi corre per passione, come ha raccontato lui stesso al termine della lunghissima, doppia gara: “Ho faticato parecchio per raggiungere l’ultimo, pensavo di non farcela, ma ho voluto onorare anche chi corre senza l’obbiettivo della vittoria”, sono le parole dell’atleta, specializzato in ultramaratone ovvero gare di lunghezza superiore ai 42 chilometri. Calcaterra, che corre per la società Running Club Futura ha vinto per ben tre volte (nel 2008, 2011 e 2012), il titolo mondiale sulla 100 km.

Questo il tweet pubblicato sulla pagina di Federazione Italiana di Atletica Leggera: “#?atletica? MISSIONE COMPIUTA! Il 42enne romano Giorgio Calcaterra, tri-campione del mondo della 100km, aveva programmato di correre per due volte consecutive la XXI Maratona di Roma e ce l’ha fatta! oggi dopo aver tagliato il traguardo la prima volta al 9° posto in 2h34:26 ed essersi sottoposto al controllo antidoping, è ripartito a tutta velocità, raggiungendo l’ultimo atleta della maratona (Eligio Lomuscio, 70enne di Barletta) intorno al 40°km e incitandolo a concludere la sua fatica, camminando con lui: “Ho faticato non poco per raggiungere l’ultimo, ma ho voluto così festeggiare e onorare anche chi corre senza l’obiettivo della vittoria!”.

Ecco invece il messaggio di Giorgio Calcaterra, pubblicato il 23 marzo 2015 sulla sua pagina Facebook in merito alla sua straordinaria impresa alla Maratona di Roma: “Grazie a tutti quelli che mi hanno sostenuto, e grazie a Eligio con cui ho percorso l’ultimo km di gara. Tanti dicono che correre più lenti di una certa velocità non è corsa, io dico che percorrere 42,195 metri non è scontato e che tutti vanno applauditi!”.

Non possiamo che complimentarci con lui per la grande determinazione, e per il grande esempio di sport e di vita. Bravo Giorgio!

Daniele Orlandi | Tutti i diritti riservati

Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Tweet about this on TwitterShare on Facebook0
Autore
Daniele Orlandi
Daniele Orlandi
Giornalista pubblicista, mi occupo di comunicazione in tutte le sue forme. Laureato in Comunicazione Digitale collaboro con testate giornalistiche (quotidiani e settimanali, cartacee e online) e sono specializzato in comunicazione sul web, S.E.O., contenuti editoriali indicizzabili sui principali motori di ricerca, comunicazione in real time. Lavoro da tempo con il team di Articoliinvendita, occupandomi della creazione di contenuti editoriali per il web e la carta stampata.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con *

*

*