Home > Io Penso Positivo > Dieci regole per vivere con più leggerezza

Dieci regole per vivere con più leggerezza

Spesso, quando si diventa adulti, si tende a fissare la barra del timone della propria esistenza in una certa direzione, a causa di fattori legati all’esperienza. Può essere la conseguenza di vecchie ferite, anche riconducibili all’infanzia, che si pongono come filtro alla realtà, non sempre in maniera piacevole. Ecco dieci suggerimenti per orientare la bussola in altre direzioni, liberandosi da alcune routine emotive che ci impediscono di stare bene e vivere con più leggerezza.

Spezzare le abitudini

Bisogna impegnarsi per trovare, nell’arco della giornata, almeno una mezz’ora nella quale fare qualcosa solo per se stessi, per variare il ritmo, possibilmente senza coinvolgere altre persone. Tralasciare momentaneamente i doveri aiuta a raccogliere le energie necessarie per riprenderli successivamente. Non è necessario fare cose particolari: basta ascoltare un po’ di musica, fare un giro in bicicletta, oppure rilassarsi con una tisana sul divano o con le parole crociate.

Studiare uno strumento musicale

Il cervello è plastico, cambia cioè la sua struttura in relazione alle esperienze. Fare musica, in particolare, modifica la struttura neuro-anatomica del cervello. Inoltre, poiché tutte le aree del nostro cervello lavorano “in equipe”, quanto più l’input è ricco di stimoli multisensoriali, tanto più l’organo sarà stimolato dal lavoro di squadra.

Accettare di essere simili ad un genitore

“Mai come mia madre”: quante volte lo abbiamo pensato? Questa perenne opposizione non aiuta ad entrare realmente in contatto con se stessi. Fare le proprie scelte significa accettarle, anche se sono somiglianti a quelle dei genitori (che tanto abbiamo criticato). Da adulti è fondamentale imparare a vivere fuori dal ruolo di figlio e dal bisogno di approvazione: questa nuova consapevolezza permetterà di vivere più serenamente.

Leggere un libro

Ognuno di noi ha la sua ricerca esistenziale, per trovare quello che fa stare bene. Un libro può aiutarci a riconoscere i nostri desideri più intimi. Ogni storia, ogni romanzo consente di ritrovare il piacere della ricerca e della scoperta. Leggere ha due vantaggi: da un lato moltiplica, in quanto permette di vivere le vite degli altri e, dall’altro, sottrae, perché consente di isolarsi più o meno ovunque dalla condizione esterna.

Perdonare chi ci ha fatto del male

Spesso si soffre per eventi riconducibili al bambino che siamo stati: quello che ci fa stare male rievoca una frattura antica. Elaborare questa sofferenza è importante per non riscrivere il futuro nell’ottica del passato. Perdonare, in questo senso, non è un atto di bontà verso gli altri, ma significa piuttosto lasciare andare il dolore pulendo i rancori dal cuore. Non identificarsi più con la sofferenza, perdonando l’altro, elimina il senso di pesantezza dovuto al conflitto.

Imparare dai bambini

Osservare i bambini è un’ottima occasione per recuperare dentro di noi le cose che contano davvero. I bimbi, infatti, si esprimono con la libertà dell’istinto, nel bene e nel male, giungendo spesso a verità limpide. Più di tutto, è utile giocare con i bambini, mettendosi alla pari: permette di connettersi con la loro autenticità, recuperando la capacità di accedere alla nostra parte più libera, ritrovando un nesso immediato tra sentire e agire.

Accrescere l’empatia

Sviluppare (ma soprattutto non perdere) la capacità di essere empatici è importantissimo per sentirsi parte di una comunità, sia per continuare ad aprirsi all’ascolto degli altri il più possibile, senza giudizi e senza minare il proprio equilibrio. L’empatia è strettamente legata alla necessità di “essere salvati” come esseri umani, dai nostri simili. Ci si può sentire più vivi e preziosi, meno auto-riferiti e capaci di osservare meglio noi stessi, attraverso lo specchio degli altri.

Frequentare un corso di teatro

Recitare è l’occasione viva e giocosa di scoprire qualcosa di noi che non conoscevamo. E’ l’occasione di entrare fisicamente in altre dinamiche, altre circostanze, altri stati d’animo a cui non siamo abituati e che forse crediamo che non ci riguardano. Entrare in altri panni, oltre a farci scoprire delle nuove energie, potrebbe anche suggerire un cambiamento necessario alla nostra vita reale. Un’altra valida ragione per iscriversi ad un corso di recitazione è imparare ad ascoltare attraverso il proprio corpo e prendere confidenza con il contatto fisico.

Non assegnare un ruolo al partner

Spesso ci innamoriamo di una persona che ha caratteristiche simili alle nostre, oppure opposte, e tendiamo ad assegnare un ruolo al partner. Quando l’oggetto del nostro amore si distacca dalla nostra proiezione, ci arrabbiamo, andiamo in crisi, scatenando reazioni che potrebbero portare a conflitti gravi e perpetui. I partner non sono lì per supplire a ciò che non abbiamo avuto. Bisogno e desiderio sono due concetti molto diversi: per costruire una relazione equilibrata, è necessario imparare a distinguerli.

Relazionarsi con gli animali e la natura

Gli animali sono più natura che cultura, il rapporto con loro serve ad avvicinarsi alla parte più autentica di sé. La semplicità dell’approccio animale arriva al nostro istinto, liberandoci dalle inutili sovrastrutture. Fare volontariato al canile, passeggiare una giornata al maneggio, fare vista ad un’amica che ha un gatto, sono occasioni per relazionarsi con animali vicini all’uomo. Ora anche in Italia ha preso piede la pet therapy, e diverse ricerche confermano i benefici emotivi degli animali per alleviare la condizione di malattia.

 

Share on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Tweet about this on TwitterShare on Facebook3
Autore
Cristiana Lenoci
Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con *

*

*