Home > Dalla passione al lavoro > Cristian: ecco perché nella vita bisogna rischiare

Cristian: ecco perché nella vita bisogna rischiare

Sono poche le persone che fanno davvero un lavoro che gli piace, e sicuramente sono molto fortunate. Il magnate dell’informatica Steve Jobs, in un suo famoso discorso, ha detto: “ L’unico modo di fare un ottimo lavoro è amare quello che fai”. In questa semplice frase c’è tutta la profondità di un monito che ognuno di noi dovrebbe cercare di realizzare nella propria vita. Cristian è una di queste persone fortunate che può dire finalmente oggi di amare ciò che fa, e di esserci arrivato dopo un percorso accidentato e non facile. D’altronde, se la conquista non presuppone impegno e sacrificio, c’è ben poco da imparare. Lo abbiamo incontrato per chiedergli di raccontarci la sua storia: devo dire che ne è venuta fuori una “illuminante” chiacchierata.

Affermarsi nel mondo del lavoro oggi è forse più difficile che in passato, ma ci sono almeno due capacità che conviene acquisire per muoversi meglio nel contesto professionale: la versatilità e lo spirito di adattamento. La prima indica la capacità di “intraprendere strade diverse”, mentre la seconda permette di avere un atteggiamento positivo in qualsiasi ambiente, anche non del tutto consono alla propria natura. Cristian Andreatini, imprenditore pesarese, le possiede entrambe.

Raccontare la storia di Cristian ci è sembrato un modo come tanti per dimostrare che è possibile reinventarsi continuamente anche in ambito professionale, e che non bisogna aver paura di osare, tentare strade diverse da quella “maestra”. Ci sembra importante, però, partire con una sua premessa: “Sono sempre stato un ragazzo curioso di tutto, curioso della vita e delle sue particolarità, se aprivo bocca era per fare domande, accumulavo risposte dentro di me e le elaboravo alla mia maniera, ascoltavo, se avevo qualche dubbio rifacevo domande, portavo tutti allo sfinimento, avevo sete di sapere, di imparare i procedimenti della vita, il perché delle cose. Siccome le risposte erano di fatto diverse,  quella era una lezione importante, capivo che ognuno ha la sua realtà, il suo punto di vista, quindi senza preoccuparmene troppo, sono cresciuto con il mio punto di vista”.

R: Ciao, Cristian. La tua storia ci è piaciuta perché dà una grande sferzata di ottimismo a chi ritiene che i sogni non possano realizzarsi. Ci spieghi di cosa ti occupi oggi?

C: Mi occupo principalmente di consulenza Seo, tutti i miei servizi sono rivolti alle aziende che desiderano posizionarsi nei motori di ricerca. Sono convinto che la Rete sia un’ottima risorsa da sfruttare in diversi ambiti settoriali, ed infatti sto ottenendo ottimi risultati.

R: Ci racconti da dove sei partito e quali sono state le tue precedenti esperienze professionali?

C: Il mio primo mestiere è stato l’elettricista, un lavoro bellissimo ed anche parecchio creativo, ancora oggi porto avanti collaborazioni in questo settore grazie a collaboratori fidati e di grande talento. Devi essere pronto ad elaborare in fretta le soluzioni più giuste, accontentare i clienti più esigenti nelle loro richieste, ma mi ha dato la possibilità di conoscere tantissime persone e quindi condividere esperienze sempre nuove e diverse. A 24 anni ho messo su una piccola azienda insieme ad un socio: è stato un periodo molto bello, conoscevamo bene il lavoro e sapevamo come gestire i numerosi clienti, le soddisfazioni sono state tante, nonostante più persone ci dicessero di lasciar perdere perché oggi come oggi avere un’azienda comporta troppe spese. Siamo riusciti, con la nostra tenacia e l’ottimismo, a tenere a bada i tanti “porta sfiga” che avevamo intorno.

R: Come nasce la tua passione per Internet? Quali sono stati tuoi primi passi in questo settore?

C: Mentre ero impegnato ad utilizzare il web per realizzare le divise aziendali, mi è balenata l’idea di creare un marchio ed applicare il logo sulle t-shirt. Certo mi rendo conto che l’idea non era il top dell’originalità, visto che in quel periodo andava molto di moda, ma i risultati sono andati oltre ogni (mia) aspettativa. Il marchio è piaciuto tantissimo e piano piano questa attività ha subito un incremento. Ero sempre più impegnato a gestire questa nuova idea. Ad un certo punto, purtroppo, mi sono dovuto fermare perché ho scoperto che il mio marchio era uguale ad un altro. Avrei dovuto cambiare il logo, ma a quel punto mi sono reso conto che per fare un salto di qualità avrei dovuto investire, realizzare una struttura grande e ramificata. Mi sono chiesto se realmente avrei voluto fare questo e la risposta è stata negativa. Mi sono quindi messo subito alla ricerca di nuove idee, grazie all’idea delle t-shirt ho scoperto il mondo del web.

R: Lavorare con la Rete si addice al tuo stile di vita?

C: Non ho un’idea di ricchezza assoluta, piuttosto ho sempre sognato di vivere una vita tranquilla, senza grossi “sbattimenti” inutili, svolgendo un’attività che mi piaccia e mi dia la possibilità di avere del tempo libero per dedicarmi ad altro. Ho sempre desiderato un lavoro che offra un rendimento automatico, con Internet questo può accadere ed ho sfruttato l’occasione! Quando ho deciso di lavorare su Internet ho fatto tanti sacrifici, ho lasciato per un periodo la mia prima attività rinunciando alla posizione che mi ero creato e restando senza stipendio per un anno intero, ma credevo nella mia idea e nella forza della Rete e quindi sono andato avanti nonostante tutto. L’idea di creare ai quei tempi, assieme ad un socio, un portale di ricerca aziende è stata geniale. Abbiamo lavorato tanto per farlo funzionare, ma alla fine il nostro lavoro e il nostro impegno ci ha dato grandi soddisfazioni, abbiamo pensato di creare un portale di servizi tutto nostro, dove gli utenti entrando nel sito possono prendere tutte le informazioni di cui hanno bisogno.

R: Le persone che ti circondavano cosa ti dicevano? Ti hanno appoggiato nella scelta di lasciare il certo per l’incerto?

C: La maggior parte delle persone intorno a me mi diceva di non rischiare, di fare quello che “sapevo” fare, di rinunciare alle mie idee perché avrei fallito e dispensava “consigli” per frenare il mio entusiasmo. Ho ascoltato tutti prendendo atto delle loro opinioni e sono andato avanti con la mia “avventura”. Oggi posso dire di aver fatto bene a non fermarmi, sento di aver fatto la scelta giusta. La mia vita è quella che ho sempre sognato fin da piccolo: da mattina a sera faccio quello che mi piace e mi fa stare bene, nello stesso tempo riesco a guadagnarci. Credo di essere un ragazzo fortunato, ma devo tutto questo a me stesso e alla mia determinazione. E’ importante provarci sempre, per non vivere di rimpianti o, peggio, di inutili certezze.

R: Parliamo del lavoro come consulente Seo, un’attività sempre più richiesta.

C: Oggi più che mai le aziende hanno capito il valore della visibilità in Rete, ormai non è più solo per pochi ma tutto il mondo è connesso. Io per esempio lavoro tantissimo con i tanti contatti che mi arrivano attraverso il mio sito www.andreatini.net e con il passaparola dei clienti soddisfatti. E’ importante essere visibili dove sono presenti potenziali clienti. Nel tempo mi sono specializzato come consulente Seo, mi piace lavorare in un mercato che non è mai statico e che cambia continuamente. Ogni lavoro è una sfida, riuscire a portare sempre nuovi contatti ai clienti che si rivolgono a me per raggiungere risultati è sempre una grande soddisfazione.

R: Cosa hai imparato dalla tua esperienza personale?

C: Dalla mia esperienza ho capito che nulla accade per caso, gli incontri che si fanno sono tutti speciali, ognuno insegna qualcosa, sta a noi comprendere la bellezza delle possibilità che la vita ci propone in continuazione. La vera sfida è vivere per noi stessi, ascoltando le nostre vere emozioni, e seguendo le intuizioni e le vibrazioni che ci arrivano dalla “pancia”: sono questi i segnali che ci indicano la strada giusta. La vita di per sé stessa non è certezza, quindi il consiglio è di divertirsi sempre, cambiando idea se necessario, anche correndo il rischio di sembrare matti.

 

Share on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Tweet about this on TwitterShare on Facebook0
Autore
Cristiana Lenoci
Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con *

*

*